Ma `lumot

IGP Tuscan zaytun moyini ishlab chiqarish uchun intizom

IGP Tuscan zaytun moyini ishlab chiqarish uchun intizom

Ishlab chiqarish qoidalari - IGP Tuscan zaytun moyi
ITALIYA RESPUBLIKASI RASMIY JURNALI

IGP Tuscan zaytun moyi

1-modda
Ism.

Himoyalangan "Toskano" geografik belgisi, ehtimol quyidagi qo'shimcha geografik eslatmalardan biri bilan birga keladi: "Seggiano", "Kolline Luchesi", "Colline della Lunigiana", "Colline di Arezzo," Colline Senesi, "Colline di Firenze", " "Montalbano", "Monti Pisani" zaytun moyi uchun ishlab chiqarilgan bo'lib, ushbu ishlab chiqarishda ko'rsatilgan shartlar va talablarga javob beradi.

2-modda
Zaytun daraxtlarining xilma-xilligi.

1) "Toskano" himoyalangan jug'rofiy ko'rsatmasi, qo'shimcha geografik ma'lumotga ega bo'lmasdan, zaytunzorlardagi quyidagi zaytun navlaridan olinishi kerak: Americano, Arancino, Ciliegino, Frantoio, Grappolo, Gremignolo, Grossolana, Larcianese . , Scarlinese, Tondello va ularning sinonimlari. Maksimal 5% gacha bo'lgan boshqa navlar ham raqobatlashishi mumkin.
2) "Seggiano" qo'shimcha geografik eslatmasi "Toscano" Olivastra Seggianese xilma-xilligidan tashkil topgan zaytun bog'laridan olingan zaytun moyidan olingan. Zaytun bog'larida changlatuvchi sifatida ishlatiladigan boshqa navlarning zaytuniga ham maksimal 5% ruxsat beriladi.
3) "Colline Lucchesi" qo'shimcha geografik eslatmasi "Toscano" quyidagi navli zaytunlardan olingan bokira zaytun moyi uchun ajratilgan: Frantoio yoki Frantoiana 90% gacha, Leccino 20% gacha. Zaytun bog'larida mavjud bo'lgan boshqa zaytun navlari ham 15% gacha o'z hissasini qo'shishi mumkin.
4) "Colline della Lunigiana" qo'shimcha geografik eslatmasi quyidagi toifadagi zaytunlardan olingan "Toscano" qo'shimcha bokira zaytun moyi uchun ajratilgan: Frantoio yoki Frantoiana 90% gacha, Leccino 20% gacha. Zaytun bog'larida mavjud bo'lgan boshqa zaytun navlari ham 15% gacha o'z hissasini qo'shishi mumkin.
5) "Arezzo tepaliklari" qo'shimcha geografik eslatmasi "Toskana" ning quyidagi navlaridan olingan alohida bokira zaytun moyi zaytun bog'larida kamida 85% saqlanadi: Frantoio Moraiolo va Leccino. Bundan tashqari, boshqa navlar maksimal 15% gacha hissa qo'shishi mumkin.
6) "Colline Senesi" qo'shimcha geografik eslatmasi "Toscano" ning quyidagi navlaridan olingan, bittadan yoki birgalikda mavjud bo'lgan zaytun bog'larida kamida 85% saqlanadi: Correggiole yoki Frantoio, Moraiolo, Leccino, Olivastra . Maurino, Pendolino, Morchiaio, Mignolo navlari va boshqa avtoxton navlari bilan birgalikda maksimal 15% gacha bo'lgan hissa qo'shishi mumkin.
7) "Colline di Firenze" qo'shimcha jug'rofiy zaytun 100% gacha bo'lgan zaytun bog'larida yakka yoki birga mavjud bo'lgan "Toscano" qo'shimcha bug'doy zaytun moyi uchun ajratilgan: Frantoio, Moraiolo, Leccino, Pendolino, Leccio del Corno, Madonna dell'Impruneta, Morchiaio, Maurino, Piangente, Pesciatino va ularning sinonimlari. Boshqa navlar, mahalliy bo'lgan taqdirda, eng ko'pi bilan 15% miqdorida hissa qo'shishi mumkin: Americano, Arancino, Ciliegino, Grappolo, Gremignolo, Grossolana, Larcianese, Lazzero, Leccione, Marzio, Melaiolo, Mignolo, Olivastra Seggianese, Punteruolo, Razzalel, Rossloell , San Franchesko, Santa Katerina, Skarline, Tondello va ularning sinonimlari. San'atning 1-bandida ko'rsatilgan barcha boshqa navlar. 2 dan maksimal 5% gacha.
8) "Montalbano" qo'shimcha jug'rofiy izohi "Toscano" ning quyidagi navlaridan olingan bokira zaytun moyi uchun ajratilgan - yolg'iz yoki birgalikda 100% gacha bo'lgan zaytun bog'larida: Leccino, Moraiolo, Frantoio, Pendolino, Rossellino, Piangente va ularning sinonimlari.
9) "Monti Pisani" qo'shimcha jug'rofiy zaytun 85% gacha bo'lgan zaytun bog'larida yakka yoki birgalikda mavjud bo'lgan "Toskano" qo'shimcha bug'doy zaytun moyi uchun ajratilgan: Frantoio, Moraiolo, Leccino, Razzo. Ular, shuningdek, bittaga qadar raqobatlashishlari mumkin
san'atning 1-bandida ko'rsatilgan navlar orasida eng ko'pi bilan 40%. 2.

3-modda
Ishlab chiqarish maydoni.

1) "Toskano" himoyalangan jug'rofiy belgisi bilan qo'shimcha bokira zaytun moyi ishlab chiqarish uchun mo'ljallangan zaytunning ishlab chiqarish maydoni Toskana viloyatining ma'muriy hududida, sifat jihatidan ishlab chiqarishga erishish uchun mos bo'lgan mintaqaning zaytun maydonlarini o'z ichiga oladi. Ushbu mahsulotning texnik tavsifida ko'zda tutilgan.
2) "Toscano di Seggiano" himoyalangan jug'rofiy belgisi bilan qo'shimcha bokira zaytun moyi ishlab chiqarish uchun zaytunning ishlab chiqarish maydoni, Grosseto provintsiyasida Arcidosso, Castel del Piano va Seggiano munitsipalitetlarining butun ma'muriy hududini o'z ichiga oladi. va Cinigiano, Santa Fiora va Roccalbegna shaharlari hududining bir qismi. Ushbu maydon quyidagicha ajratilgan:
a) Cinigiano meriyasi - Monticello Amiata.
Sharqiy chegara - Zanjona oqimi bo'ylab dengiz sathidan 324 metr balandlikdan ko'tariladigan Cinigiano va Arcidosso munitsipalitetlari orasidagi chegara. siz Capanne della Selva fermasining yo'liga etib borguningizcha. Casaline provintsiyali yo'lidan o'tmaguningizcha ushbu yo'lda davom eting, undan keyin Arcidosso-Cinigiano provintsial yo'li bilan Monticello Amiata shahridan o'tib, chorrahaga borasiz.
Janubiy chegara - yuqorida ko'rsatilgan chorrahadan Puscina zovurini kesib o'tadigan ko'prikgacha bo'lgan Arcidosso-Cinigiano provinsiya yo'lining qismi. Ushbu ko'prikdan janub chegarasi dengiz sathidan 422 metr balandlikdagi Ribusieri zovurigacha davom etadi.
G'arbiy chegara - Ribusieri kanalining dengiz sathidan 422 metr balandlikda joylashgan qismi dengiz sathidan 254 metr balandlikda Shimoliy chegara - Fosso Ribusieridan dengiz sathidan 254 metr balandlikda jo'naydi. Serranzano, Sant'Ambrogio va Macchia Alta fermalari ostidan o'tadigan ferma yo'lidan u 455 m balandlikdan o'tib ketguncha. Casaline provinsiya yo'li. Bu erdan shimoliy chegara Banditatsia hududidagi kamera yo'lidan o'tib, dengiz sathidan 324 metr balandlikda joylashgan Zancona oqimi orqali eski eskirgan ko'prikka etib boradi.
b) Santa-Fiora shahar hokimiyati - Selva.
Sharqiy chegara - S.S monastirida qadimiy Via della Faggeta dan boshlanadi. Trinita va undan keyin Santa Fiora Selva provinsiya yo'li orqali Case Passerini yaqinida. Keyin sharqiy chegara yuqorida aytib o'tilgan viloyat yo'lining mahalliy Poggio Sotto Crocione bilan tutashgan qismi bo'ylab rivojlanib, undan keyin Santa-Fiora va Kastellazara shaharlari o'rtasidagi chegaraga etadi.
Janubiy chegara - Bu shahar chegarasining yuqorida tasvirlangan sharqiy chegarasi tugagan joydan Fosso Granchiaio Fiora daryosiga kiradigan qismigacha davom etgan qismi bo'ylab davom etadi.
G'arbiy chegara - Fiora daryosi tubining Granchiaio zovuri bilan dengiz sathidan 508 metr balandlikka cho'zilgan vaqtiga to'g'ri keladi.
Shimoliy chegara - Fiora daryosidan 508 km balandlikda, Santa-Fiora-Selva provintsiyasi bo'ylab, monastirning provinsiya yo'lining chorrahasigacha, qadimgi Via della Faggeta orqali o'tguningizcha, S.S. monastiri bilan bog'langan. Trinita aholisi istiqomat qiladigan Selva.
c) Roccalbegna shahar hokimiyati - Roccalbegna, Vallerona va Kana.
Sharqiy chegara - Triana-Semproniano provinsiya yo'li bo'ylab "Follonata" bo'ylab rivojlanib, Triananing botqog'idan aholi yashaydigan joydan Casa l'Imposto joyigacha, u Pozzano konsorsiumi yo'lidan o'tib, ikkinchisi Podgacha davom etadi. . Pozzano. Dengiz sathidan 313 metr balandlikda Albigna daryosiga, Rigo oqimi bilan qo'shilib ketgunga qadar etib boradi.
Janubiy chegara - Rigo oqimi va Faggi dei Faggi tubidan doimiy ravishda Ponte del Serraglio shahrigacha, u S.S. shtat yo'lini kesib o'tadi. n 323; keyin ushbu davlat yo'lida qisqa masofa 703 m a.s.gacha davom etadi. va bu erdan, katta yo'ldan Meletto zovuriga etib boradi. Keyin chegara yuqorida aytib o'tilgan Meletto arig'i va Acquaviva trasubbino oqimiga kirish joyigacha davom etadi.
G'arbiy chegara - Trasubbino oqimi bo'ylab qisqa masofani bosib o'tib, Pontino zovuridan keyin Podgacha ko'tariladi. Kazino. G'arbiy chegara kazinoning ferma yo'lidan va Paxtaning mahalliy yo'lidan 493 gacha balandlikda, Alteta zovuri bo'ylab Trasubbino oqimi bilan qo'shilib ketguncha davom etadi.
Shimoliy chegara - oldingi g'arbiy chegara tugagan joydan Trasubbino oqimi bo'ylab, Istrian arig'i va Roccalbegna va Arcidosso o'rtasidagi shahar chegarasi Pod balandligigacha. Ritsiona soatiga 697 m balandlikda. Bu erdan chegara Stribuglianoning mahalliy yo'li bo'ylab davom etadi va Poggio Krivello ostidagi teshiklarning mahalliy yo'lidan 756 m balandlikka ko'tarilguncha davom etadi. mahalliy Pescinello yo'li, shundan keyin davlat yo'li bilan kesishgan S.S. 323. Ikkinchi chorrahadan shimoliy chegara yuqorida aytilgan S.S. orqali o'tadi. 323 Triana gumbazining aholi punktiga.
3) "Toscano delle Colline Lucchesi" qo'shimcha bug'doy zaytun moyining ishlab chiqarish maydoni, Lucca provintsiyasining ma'muriy hududida, viloyatning zaytun bilan to'ldirilgan hududlari, ishlab chiqarishda ko'zda tutilgan sifat ko'rsatkichlari bilan ishlab chiqarishga mos keladi. bu spetsifikatsiya. Ushbu maydon quyidagicha ajratilgan:
Lucca tekisligi:
SS 439 - Lucca / Pescia chorrahasidan boshlab, Korte Nardi yaqinidagi Pistolaning provintsiya chegarasini kuzatib boring, yuqorida aytilgan viloyat chegarasini janubiy / sharqiy yo'nalish bo'ylab 54 balandlikka qadar davom eting, Kolle Della Gherardeska. 54 balandlikdan boshlab Colle Seghieri orqali o'tadigan yo'l bo'ylab Montecarlo yo'lini kesib o'tguncha, taxminan 500 metr yurib, Korte Mazzini joylashgan joydan keyin janubi-sharqqa qarab davom eting. , janubdan Ponte Kannetoga olib boradigan temir yo'lni kesib o'tadi, keyin birinchi temir yo'l liniyasi bo'ylab janubga va keyin g'arbga, Badia Pozzeveridagi Rio San Gallo bilan kesishguncha davom etadi, shimol tomon suv yo'li Altopaskio-Porkari yo'liga boradi va keyin bu yo'ldan g'arbiy Korte-La-Pinetagacha davom etadi, u erdan siz shimoldan Korte-di Galante tomon tepaliklar bo'ylab davom etadigan yo'l bo'ylab davom etasiz. Corte di Galante-dan 63, 75 va 92 a. Balandliklardan o'tib, Rio Leccioning chap irmog'i bo'lgan shimoliy yo'nalishda, mahalliy yo'l bilan boring; balandlikdan 92 a.s.l. dengiz sathidan 38 metr balandlikda, keyin janubi-g'arbiy Corte Mencarini tomon janubda, Rio Leccio-ga parallel shamolda va tepaliklarni aylanib o'tadigan yo'l bo'ylab davom etgunga qadar shimol tomon davom eting. Porkari markaziga etib, shaharni kesib o'tib, dengiz sathidan 20 metr balandlikka qaytishni davom ettirmoqda Palazzo Rossi, Korte Matteoni, Villa Bottini joylariga tegadigan ikkinchi darajali yo'lda; siz aytgan Villa xiyoboniga borasiz, siz provintsiya yo'lini kesib o'tdingiz va tepalik yonbag'ridan o'tgan tomonga qarab, qisqa masofaga Borgonuovo-Gragnano yo'liga kirasiz, so'ngra Rio Ralla bo'ylab Kasa Mayionchidan pastga qarab borasiz. "Cesaretti" uyining g'arbiy qismida, unga dengiz sathidan 30 metr balandlikda erishish mumkin Borgonuovo-Kamigliano yo'li va uni dengiz sathidan 55 metr balandlikda kuzatib, g'arb tomon tepaliklar bo'ylab dengiz sathidan 39 metr balandlikka tushadi. va bu erdan Rimortoli-Segromigno trassasi bo'ylab dengiz sathidan 41 metr balandlikda qisqa masofani bosib, Rimortoliga olib boradigan yo'ldan borasiz, Fornoliga borasiz, dengiz sathidan 48 metr balandlikka borasiz. siz Marliya markaziga etib borguningizcha Villa Real bog'ini aylanib chiqing, so'ngra S. Gemignanoning ayovi orqali S. Pancrazio orqali Sesto di Moriano shahriga o'tib, Serchio daryosidan o'tib, temir yo'l ko'prigi yaqinida; Sesto shahridan janubga qarab, Sesto shahrini Serchio daryosining o'ng tomonidagi provinsiya yo'li bilan bog'laydigan munitsipal yo'lni bosib o'ting, Ponte-Moriano-dan o'tib, tog'ni aylanib o'ting va San-Mishel shaharchalarini kesib o'ting. Moriano, San Lorenzo, San-Quirico di Moriano va S. Arlascio, Villa Boccella-ga qadar. Ushbu joydan chegara dengiz sathidan 24 m balandlikda g'arbga egiladi. keyin Villa Barsanti orqali o'tadigan Archiepiskop seminariyasi ostida va janubga burilib Villa Sardi tomon, yuqoridan yuqoriga etib borish uchun Lucca-Kamaiore yo'lidan o'tib, undan o'tgan tog'liklarning munitsipal yo'lida qisqa masofani bosib o'tasiz. Al-Pinoda va Ponte del Giglio yaqinidagi Lukka-Kamayra yo'lini birlashtiradigan va shu bilan
dengiz sathidan 51 va 50 metr balandlikda joylashgan Fornace uchun birlashguncha cho'zishni davom ettiradi; Frantoio va Villa Fonna aholi punktlari tebranadi va Mutiglianoga olib boradigan yo'l uchun, soat 33 dan 31 gacha balandlikda, Villa Orsetti joylashgan joy; bu erdan siz dengiz sathidan 44 va 43 metr balandlikda o'tadigan yo'ldan borasiz. Monte S. Quirikodan S. Alessioga olib boradigan yo'lni uchratmaguningizcha, qisqa masofaga borasiz, keyin Korte Pistelli, Villa Albertini, Korte Buchignani, Boskarecchi joylari ostidan o'tgan tepaliklardan o'ting. , Corte Santini, Corte Ionizzi, dengiz sathidan 26 metr balandlikda o'choq ostida Charterhouse-ga olib boradigan yo'lgacha.
Ikkinchisini Farneta tomon kuzatib boring, janub tomon dengiz sathidan 57 va 41 balandliklardan o'tib, Donor sudiga etib boring, S.S. Korte Puccetti yonida 439, biz Fosso Kanabbiyadan o'tib, uni A 11/12 tomonidan kesib o'tilgunga qadar, keyin 48 s.l. balandlikda. ustaning sudiga tegasiz, balandligi 41 s.l.metr. sharqda Corte Santone, Villa Liana va janubda Mozzano maktabiga.
Nozzano maktabidan g'arbdan Balbanoga Lucca-Viareggio temir yo'l liniyasida davom eting, u erdan sharq tomon Nozzano stantsiyasiga, keyin janubi-sharqqa, Piza viloyati bilan chegarada yuqorida ko'rsatilgan A-11 chegarasi bilan Ozzeri kanali ustidagi ko'prikka qadar Villa Poschiga etib borguningizcha davom eting va Zoppino, Vikopelago va S yo'llariga boring. SSga etib borguningizcha Michele Eschetoda Dengiz sathidan 27 metr balandlikda, sharq tomon, dengiz sathidan 24 metr balandlikdan o'tib, Fosso Guapperoni kesib o'tib, shimoli-sharqqa boradigan San-Pietroga olib boradigan shahar yo'lidan boring. 23, 24 va 17 balandliklardan keyin 17 asl balandlikdan, avval qisqa masofaga, sharqqa, keyin janubi-sharqqa, San-Pietrodan Vorno tomon Badia di Kantignano va jabhagacha bo'lgan shahar yo'liga boring. keyin Guamo tomon harakatlaning. Dilla sathidan 28 metr balandlikda Villa Politi balandligida, Villa Perotti bo'ylab davom etib, Guamo markaziga boradigan yo'ldan boring va ikkinchisidan sharqqa, Massa Makinala Padulasini aylanib o'tadigan munitsipal yo'lga boring. San-Quirico uchun, Rio S. Quirico, Villa Moscheni, bu SS Leonardo Treponsio tepasida SS-balandligidagi 439 Sarzanese Valdera. Lucca yo'nalishi bo'yicha harakatlaning, keyin Ponte alle Luche, keyin shimoliy-sharqda, tepalik bo'ylab Kölnora, Korte Forkone, Latte "Ku" elektr stantsiyalari tomon boring. CAPLAC San-Xitoy ”va janubdan Portoga etib borguncha.
G'arbiy tomonga, Kollina tomon, San-Xitoy stantsiyasiga qadar, oldingi Lucca-Pontedera temir yo'l liniyasi bo'ylab Piza provinsiyasi bilan chegaraga qadar davom eting.
Dengiz sathidan 429 va 356 metr balandlikdagi ushbu chegarani kuzatib boring, keyin San-Bucolinodan Monte Serraga olib boruvchi yo'l, ikkinchisidan shimolga qarab, dengiz sathidan 526 va 458 metr balandlikka Cima Sassabodda orqali o'tib, Sassabodda oqimidan o'tasiz. , Kipollino qirg'oqlari bo'ylab 547 balandlikda, Rio sathidan 450 metr balandlikda joylashgan Compito tog'iga boring; shimol tomon dengiz sathidan 456 metr balandlikda, dengiz sathidan 385, 428, 342 metr balandlikda, Borgognone qirg'og'ida davom eting. Vernodan Monte Serra-ga olib boradigan yo'lgacha.
Uni Fossacieca xandaqigacha va dengiz sathidan 500 metr balandlikdagi tekislik egri bo'ylab kuzatib boring. siz 500 s.l. metr balandlikda yana egri chiziqqa duch kelmaguningizcha, siz zovurga borasiz. Monte-di Karrara yaqinida, keyin Monte-Le Korna, Monte-di-Pantaleone orqali Monte-Pian-della Conserva-ga boring va Villa Orsini orqali o'tib, siz kuzatib boradigan Piza viloyati bilan chegaradosh. Lucca munitsipaliteti va Viarejgio chegarasi.
- Villa Bazilika tumani:
U Valgiano qishlog'idan boshlanadi va sharqdan 456 m balandlikda joylashgan Rio di Karteraga borasiz. va xachir bilan 432 m aslga etib, Rio janubiga 589 m balandlikka chiqasiz. keyin har doim xachirli trek bilan siz Campo Grande-ga 554 m masofaga etib borasiz, 385 va 412 m balandlikka teging. siz Celli hududiga etib borguningizcha; keyin Rio Rimogno yo'liga boring, oqim ustiga chiqing va Krokichuraga birinchi chap irmoqqa boring, Villa Baziliksidan Romitorioga vodiy tomon olib boradigan yo'lni oling, ikkinchi burilishda yo'lni qoldiring va davom eting Rioga boradigan yo'l, ikkinchisi bilan dengiz sathidan 563 metr balandlikda uyga boring, keyin Kasa delle Streghe orqali dengiz sathidan 524, 467, 462 metr balandlikda, Parianadan Pitsornegacha bo'lgan yo'lgacha davom eting. Parianadan siz qabristonga borasiz va Rio della Torbola yo'lidan borasiz, so'ngra Mt.-da tekislik egri chizig'ini oling. 600 s.l.m. Uccelliera gacha; bu erdan siz 636 va 568 m balandlikda Capannori tepaligiga borasiz. Castagnora-da va u erdan siz Boveglio-Kolognora-Colognora qabristoniga boradigan yo'ldan borasiz. Siz aholi punktiga etib borasiz va Rio-del-Balzo tomon ketasiz, xuddi shu yo'nalishda pastga tushasiz va Nardidagi provintsiya chegarasiga qadar bo'lgan yo'ldan borasiz.
Uchastka maydoni:
Anord-Ovest Via Aurelia va provinsiyaning Massa Carrara bilan kesishish nuqtasidan boshlanadi, siz dengizdan tog'larga qarab Bellegra tomon borasiz, shu erdan siz 600 s.l. balandlikdagi egri chiziqqa borasiz. Serra vodiysi bilan janubga qaragan qiyalik o'rtasida suv havzasi bo'lib ishlaydigan Monte Serreta tizmasiga qadar, keyin Monte Kanala tizmasiga 432 s.l. balandlikda etib borasiz. Dengiz sathidan 170 metr balandlikdagi La Rokka aholi punktiga qadar, ushbu joyni kesib o'ting va dengiz sathidan 100 metr balandlikka tushing, so'ngra dengiz sathidan 100 metr balandlikda sath egri bo'ylab boring. Serra daryosidan o'tib, Kanale di Rota tomon, Serra daryosi bo'ylab dengiz sathidan 300 metr balandlikka ko'tariladigan Kanale di S. Mikelgacha davom eting. keyin dengiz sathidan 300 metr balandlikdagi tekislik egri chizig'iga o'ting. siz Botro-di-Rimonga yetib borguningizcha, uni dengiz sathidan 600 metr balandlikka ko'taring va janubiy yo'nalishda ushbu darajadagi egri chiziq bo'ylab Monte Cavallo va Monte Castellacelo etagiga etib boring va Kanale di Basatiga etib borguningizcha, kanal bo'ylab tushing. Giardino del Giardino tomon Kanale bo'ylab Rio-del-Rio-ga ko'tarilib, dengiz sathidan 600 metr balandlikka ko'tarilib, 600 metr balandlikdagi tekislik egri bo'ylab harakatlaning Terrinca va Levigliani ustidan o'tib, Kanale deltasi yonidan o'tib, Monte Alto atrofida aylanib o'ting, Retignano va Pruno joylarini kesib o'ting, Della Capriola kanali orqali o'ting, Monte Forato ostidan o'tib, Versiliya kanali orqali o'ting. Monte Procinto-da Pomeszana va Farnokkiya atroflarini kesib o'tib, Lieto, Ornato, Anchiana, Gabberi tog'lari atrofida aylanib, Bollogno tepasida, Monte Cyurlaglia, Monte Prana va Monte Pedonadan o'tib, Rio bilan uchrashguningizcha Lucese, u Torcigliano botqog'iga tutashgan "O'rta vodiyda" tasvirlangan yo'lga qaytish uchun qisqa masofaga qarab dengiz tomon yuradi.
U Piza provinsiyasi bilan chegaradan boshlab Kiesa uchun munitsipal yo'l bilan kesishish nuqtasidan boshlanadi, siz Massasiukkoli markazidan o'tasiz, Kiesada Lucca-Viareggio temir yo'l tarmog'iga duch kelmaguningizcha, siz temir yo'lni bosib o'tasiz. Viarejiodan Portovekchiogacha bo'lgan Lucca-Viareggio, bu yerdan Massa-Rosadan Il Garajga etib boradigan Via di Bonifica, shu erdan Via Sarzanese tomon ketadigan di Bonifica orqali keting. Pietrasanta markazidan Ponte dell'Abbacatoiogacha Via del Castagno orqali Veste Apua shahriga borganingizcha Veste Apua bilan qisqa masofani bosib o'tib, Sestri Levante magistraligacha borguncha. - Livorno, Marinaning provinsiya yo'liga duch kelmaguningizcha, Via deb nomlanib, Verca daryosiga etib borguncha Verciya daryosigacha boring. l Versiliya Bonazzera kanaligacha va yana Dela Lagadan o'tib, shimoliy-g'arbiy yo'nalishda Massa Carrara provintsiya yo'li bilan boradigan Aurelia tomon borguncha davom eting.
O'rta vodiy maydoni
- Markaziy maydon.
"Ponte di Kampia" aholi punktidan shimolga, shahar chegarasi bo'ylab Treppignana va Battosi aholi punkti orasidagi xachir yo'ligacha (Tenuta de "il Ciocco"); bu erdan Sommokolonia-ga boradigan yo'ldan keyin Ponte di Catagnana tomon shahar yo'lida davom eting; Montebuono chorrahasini kesib o'tib, Canteo yo'liga boring va Gragnana tomon, keyin Piastra tomon boring, Renaio vodiysiga boradigan yo'ldan o'ting, Lopporetta oqimi orqali ko'prikdan o'ting va dengiz sathidan 595 metr balandlikda Kollettoga boring. , keyin Pegnana tomon pastga tushadigan Tiglio Basso bilan kesishish tomon boring. Ushbu joydan Tiglio Basso, Coreglia Antelminelli, Gromignana va Lucignana markazlariga boradigan yo'lni bosib o'ting va shahar yo'lidan S.S.ga boring. 445. Givitszano aholisi yashaydigan Kastelnuovo Garfagnana tomon davlat yo'lidan boring, Ghivitsano Alto tomon yo'l oling va shu erdan qabriston tomon, so'ng Rio-Seco bo'ylab Kolle-ga boradigan yo'ldan boring. Bu erdan, Koreglia Antelminelli uchun provintsiya yo'liga boring va undan keyin birinchi burilishgacha Korrigiya tomon boring. Bu erda siz Burica va Curchi-ga borasiz va Aaniya oqimini Segaiogacha kesib o'tadigan yo'lda davom etasiz, keyin manzillarga etib borguningizcha Korte Solko va Loppia (Cherkov) orqali boring. Loppia-dan Barga uchun provinsiya yo'lidan boring, keyin Kastelevkio-Paskoliga qadar provintsiya yo'ligacha. Ponte di Campia shahar chegarasida.
- Sharqiy hudud.
S. Pancraziodan S. Gemignanoga qadar Brennero shossesigacha 12 (temir yo'l kesishmasidan tashqari) yo'liga boring. Keyin xuddi shu davlat yo'lidan Bagni di Lucca yo'nalishiga, Diana-dagi Ponte-Km-53 gacha, bu erda siz yo'ldan chiqib, Cima del Colle va Madonna di Mirocchio joylariga boring, keyin Benabbioga boradigan yo'lga boring. Trinitaga boradigan yo'l, keyin Kol-di-Serbiya ostidagi La-Motta tumaniga, Torrente Bugliesima-ga qadar, Lucignanoga boradigan oqimga qadar boring. Pizzorne chorrahasidan o'tgandan so'ng, Pizzorna oqimi vodiysidagi Fabbrichegacha bo'lgan o'ng tomonda, so'ngra 440 va 497 s.l. balandliklari bo'ylab o'ting. Lokalità Madonna di Serra va Rio Particene gacha, keyin Madonna della Selvaga qadar 342 m aslga, Kolle-de-Burroni bo'ylab 502, 552, 420, 398 va 302 asl balandlikdagi yo'ldan o'ting. shahar chegarasiga olib boradigan yo'l; munitsipal chegaradan Croce Brancoli-ga boring, keyin Piazza Brancoli yo'liga boring, Ombreglioga boradigan yo'ldan boring, shu erdan Ponte Molinachchoga boring, keyin Deccio, Tramonte va Castellaccioga boring, Fraga daryosidan o'tib, vodiyga boradigan yo'ldan o'tib, Matraia Colle'gacha etib boring va Zazzera tomon boring va Rio Kaprio daryosi bilan kesishgan yo'lda davom eting, Matrayadan Valgianoga qadar bo'lgan yo'ldan boring. Valgiano shahri.
- G'arbiy hudud.
Ludovitsa provintsiya yo'lidan Ponte Moriano gumbazidan Piano della Rocca'ga boring, shu erdan Rokka (Chiesa degli Alpini) manziliga boradigan (oldingi shahar yo'li), qabriston tomon qarab davom eting Oneta-Cune yo'liga duch kelmaguningizcha Località Londigianaga boradigan yo'l.
Kune shahriga boradigan yo'ldan boring, so'ngra Dezza bo'yiga etib borguningizcha Alla Volta, Colle delle Koste va Kolle Belvederega boring; Dezza oqimi bo'ylab cho'zilgan va Bestuolico, Ripa va Karraia aholi punktlariga boradigan yo'lda davom eting, chorrahagacha Kölnora yo'liga boring, so'ng Ansana, Gello, S. Rokko va Alle shaharlariga boring. Pianacce, Vargana mintaqasida provintsial yo'l bilan uchrashib, keyin Piegaio bo'g'ozigacha bo'lgan provintsiya yo'lidan, keyin Fiano-Loppegliyadan va Fianodan tortib Chiesina di Foce tomon yo'l bo'ylab, keyin Bozzano-ga qadar bo'lgan joygacha boring. Monte Pruno ostidagi Kapannakiya va siz dengiz sathidan 643 metr balandlikda joylashgan aholi punktiga etib borasiz, keyin Antitsianaga boring va o'sha joyning aholisi oqimga tushgunga qadar. Dengiz sathidan 484 metr balandlikda oqimni kuzatib boring, Ferrandino-Gombitelli tomon yo'l oling, Torcigliano yo'lida, Rio Lucense ustidagi ko'prikgacha davom eting; bu erdan siz o'ng irmoq bo'ylab dengiz sathidan 600 metr balandlikka borasiz, u erda siz Versiliya hududiga qo'shilasiz.
Garfagnana tumani:
Viloyat chegarasidan Montefiore-Pugliano yo'liga etib borasiz va uni Pugliano tomon kuzatib borasiz, keyin Fosso-del-Martellinoga boradigan Antognanoga borasiz. Zovur ortidan Sermezzano tomon Xochgacha, keyin La Maulina yo'nalishi bo'yicha dengiz sathidan 544 metr balandlikda Fosso-del Fiatonga etib boring, Il Poggione va Fosso della Scolosa joylariga boring, zovur orqali provintsiya chegarasiga boring. .
4) "Toscano delle Colline della Lunigiana" qo'shimcha bug'doy zaytun moyining ishlab chiqarish maydoni Massa Carrara provinsiyasining ma'muriy hududida, kutilayotgan sifat ko'rsatkichlari bilan mahsulot ishlab chiqarish uchun mos bo'lgan hududlarni o'z ichiga oladi. ushbu xususiyatda. Shunday qilib, ushbu maydon kartografiyada 1: 25.000 chegaralangan:
Massa Carrara viloyati:
Gasaladan boshlab shimoli-g'arbiy Gignagoga qarab boring, keyin Kaniparoladan Fosdinovoga ko'tariladigan yo'ldagi xachir yo'lini bosib, shahar tashqarisiga olib boring va keyin Spolverina yo'lini Carrara tomon olib boring. La Foce joyi; bu erdan siz Rio-Di-Viarone bo'ylab borasiz va Pesciola oqimi bilan bifuratsiya paytida siz kichik yo'l bilan davom etasiz, so'ngra Marciasoni Pulica bilan bog'laydigan yo'lga qo'shilasiz va xachir iz bilan borasiz. mamlakat; O'rnatilgan joyni kesib o'tib, shaharning sharqiy qismidan viloyat yo'liga ulanadigan va bu yo'l bo'ylab Bardin oqimigacha davom etadigan xachir yo'lini oling; keyin u dengiz sathidan 300 dan 500 metrgacha ko'tariladi. va birinchi bosqichga o'tish Noletoning joylashgan joyiga va undan keyin Vianoga tegishlidir. Qishloq tashqarisida, yo'l bo'ylab davom etib, siz Robiana kanaliga janub tomon yo'nalib, orolga tushadigan yo'lda borasiz, shahar tashqarisidagi xachir izidan davom etasiz, Fosso-del Tufodan dengiz sathidan 404 m balandlikka ko'tarilasiz. va bu erdan biz La Banditaga boradigan yo'lga qaytamiz va Kanal del Rio orqali o'tguncha kesib o'tamiz.
Keyin Cisi Ponte di Monzonegacha bo'lgan chegara sifatida qabul qilingan Lucido daryosi bilan bog'liqligiga olib keladi.
Ponte di Monzone dan davom etib, shimoliy shaharchadan oldin Eti Terme shahriga provintsiya yo'lidan davom eting, xachir yo'lini Mezzana provintsiyasiga olib boring, so'ngra Kastiana provintsiyasiga g'arb tomon davom eting, u erda joylashgan markazni kesib o'tib, shimol tomon davom eting Codiponte-ga xachir izi. O'rnatilgan joyni kesib o'tgandan so'ng, eski xachir yo'lidan sharqqa qarab, monastirga boring va Fosso della Torcella shahar munitsipaliteti Argigliano bilan kesishguncha davom eting. Viloyat yo'liga shimoliy-sharqda davom eting va Lucca provintsiyasi chegarasida davom eting, Pugliano-Montefiore munitsipaliteti yo'lining chorrahasiga qadar shimolga qaytib boring, so'ngra shimolga tizilib, 539 m balandlikka ko'taring. Pie Offiano xachirlari bo'ylab, dengiz sathidan 600 metr balandlikda joylashgan Kosta xachali izi bilan chorrahagacha davom etadi. Vedriano uchun shahar yo'liga etib borasiz, undan Reusa tomon borasiz; bu erdan janubga, Fosso delle Selvedan Casola shahri yaqinidagi 445 shtat yo'ligacha boring. Keyin shimoliy provintsiya orqali Lusignanoga boradigan Garfagnana provintsiya yo'lining Terenzanoga boradigan yo'ligacha. Bu erdan shimolga, Turlago shahriga boradigan shahar yo'liga boring, shaharga borganingizdan keyin janubdan munitsipalagacha Kollegnagaga olib boradigan xachir yo'lining birlashishiga qadar davom eting; shaharni kesib o'tib, sharqdan Verzano va Poga qarab, Baldo kanalidan Mommio oqimining chorrahasigacha boring; Bundan tashqari, Torano dan Signanoga qadar xachir izidan, keyin shimoldan keyin shahar Arlia elektr stantsiyasi havzasiga olib boruvchi xachir izidan, Rosaro oqimining shimoliy shaharcha yo'lining kesishmasigacha boring. Arliadan Kottoga olib boradigan g'arb. Superata detta località si prende la strada provinciale Pognana-Cotto, fino a Panigaletto, si prosegue a sud-est lungo il fosso di Tercula fino all’incrocio col torrente Rosaro che prosegue fino al Ponte di Posara, poi si prende la provinciale fino al Ponte del Canale di Virole che si segue fino all’abitato, poi si prende la mulattiera per Agnino da cui si prosegue a nord lungo la strada comunale denominata della Costa dei Lebi fino all’intersecazione del torrente Arcinasso che si segue ad ovest fino a Cisigliana. Da qui si segue in dilezione nord-ovest la strada provinciale fino a Paretela; oltrepassato il paese si prende la mulattiera per Bastia che porta al Colle di Là dell’Acqua. Si segue verso sud-ovest la Via Comunale per prendere poi la mulattiera che porta a Blantognoto, si continua sulla mulattiera di Braia fino a raggiungere Groppo d’Ulsa, si prosegue poi lungo la mulattiera per il Passo del Lupo fino all’intersecazione del canale di Pregnacca che si segue ad est fino all’intersecazione della, provinciale che porta a nord a Busana, Gabbiana, Grecciola. Poi a nord si segue la mulattiera fino a Pieve, oltrepassato il paese segue la provinciale per Groppo fino all’incontro della provinciale di Bagnone perCorvarola che si segue fino a detta località, poi si prende a sud il canale Torchio di Bacco fino alla confluenza con il canale Campanella che risale fino alla località Cassolana, si prosegue a sud-est, lungo la strada comunale per il Deglio, fino a raggiungere la località Molesana di Sopra. Sempre a sud si segue la strada comunale per Amola, passato il paese si prende la strada provinciale per Monti fino all’intersecazione della Strada Statale che segue fino a Licciana. Superato l’abitato si prende la provinciale per Fivizzano fino all’incrocio con la Provinciale per Bigliolo che si segue fino a Bondona. Da qui si segue la mulattiera ad est fino a Lizzano, poi si segue a nord la provinciale fino a Pratomedici. Superato l’abitato si prende il viottolo per Montebarei, Rampognano e Montecurto, dirigendosi a sud per la provinciale fino a Madonna dei Colli. Da qui si segue la mulattiera per piano di Collecchia che prosegue sino a Collecchio Alto. Da qui si prende la provinciale fino al Ponte di Viloro, si segue a nord il Canale del Rio nei pressi di Lizzano fino all’intersecazione della mulattiera per Olivola. Da detta località si segue poi la provinciale per Verpiana-Serricciolo, superato il paese verso est si segue la S.S. 63 fino all’incrocio con la provinciale per Pomarino che si segue fino al ponte sul Canale del Torchio, poi si segue ad est la mulattiera per Bibola e si prosegue per la Pra di Martino fino a raggiungere Vecchietto, si prosegue ad ovest per Carpaneda, Serrabertola, Ca Pozzolo fino all’intersecazione della strada comunale per il Bardine fino a raggiungere Ca di Polo, poi si prosegue lungo il fosso della Compra fino a raggiungere il confine comunale che si segue sempre ad ovest fino al monte della Padula.
Siraggiunge la località Tendola, si segue la strada che porta a Fodinovo poco oltre la foce del Cuccù e superato il bivio che scende a Ponsanello si segue il corso del torrente Calcandola in direzione ovest in prossimità della biforcazione con un suo affluente e da qui si risale all’abitato di Canepari. Dall’estremità nord-ovest del paese ci si ricongiunge al confine di provincia e lo si segue interamente sino in località Casala.
Zona che circonda l’abitato di Carrara:
Inprossimità della località Possola, percorrendo in direzione nord il tratto della vecchia ferrovia marmiera 10 si abbandona in località Possola per proseguire in direzione Carrara per la strada comunale della Carriona, che si percorre fino alla confluenza tra il torrente Gragnana e il fiume Carrione. Si risale quindi il primo in prossimità della frazione omonima e per mulattiera si procede a ritroso fino a Sorgnano e da qui per mulattiera si risale a quota 574 s.l.m. sulla costa della Bandita, si segue quindi il confine di provincia sino al ponte della ferrovia sul torrente Parmignola e da qui puntando verso Massa ci si ricongiunge alla marmiera nei pressi della stazione ferroviaria di Avenza che si segue fino alla località Possola.
Zona tra i centri di Carrara e di Massa.
Partendodall’intersecazione tra la via Aurelia ed il confine provinciale del comune di Montignoso si segue a nord il limite di provincia fino alla località Bellegra, si continua poi sulconfine provinciale fino a raggiungere quota 729 s.l.m. per proseguire ad ovest lungo la Valle d’Inferno, si segue poi il torrente Tascio fino a quota 522 s.l.m. per poi collegarsi mediante mulattiera alla località Pasquilio, si continua lungo la mulattiera per ricongiungersi a quota 592 s.l.m. alla strada comunale di Fontana Amorosa, si segue il canale in direzione nord‑ovest fino a Cà Manfredi sulla provinciale che porta ad Antona. Procedendo verso nord si giunge in località Pariana, dove il limite prosegue per Canalone ricongiungendosi alla stessa strada nel tornante sovrastante il paese; quindi ritornando verso Antona si lascia la strada in corrispondenza di una curva nella parte nord‑ovest dell’abitato e seguendo il crinale del monte scende direttamente a Canevara; attraversato il fiume Frigido ci si porta in direzione nord‑ovest fino a raggiungere il sentiero a quota 550 s.l.m. seguendolo a sud fino alla via che conduce a Bergiola Maggiore e oltrepassando il paese si tocca la quota di 338 s.l.m. per poi ridiscendere lungo il canale Colombera fino alla quota di 140 s.l.m.; sempre per sentiero si continua in direzione nord‑ovest passando in prossimità di Cà Lazzoni e ci si porta sulla strada che conduce a Bergiola Foscalina, quindi si procede in direzione ovest sulla stessa fino a quota 453 s.l.m. e verso sud fino ad incontrare la via Foce; si prosegue lungo questa fino alle porte della città di Carrara continuando per via S. Francesco ed ancora portandosi tramite la circonvallazione sul viale XX Settembre; abbandonandolo in prossimità della località Fabbrica, si prosegue nella via Carriona in direzione del villaggio S.Luca e da qui sulla via provinciale si ritorna sulla S.S. Aurelia. Avanzando in direzione di Massa sino alla località Codupino, il limite prosegue, lungo il canale Ricortola verso mare fino all’autostrada A12 che si segue per un tratto sino ad incontrare la via Marina Vecchia e per questa si ritorna al punto in cui la via Aurelia oltrepassa il fiume Frigido. Risalendo il corso del fiume si ritorna verso la città seguendo la via Bassa Tambura, sino in località S.Lucia e poco oltre in località Capaccola; superato il centro abitato si ritorna ancora sulla via Aurelia seguendola fino al confine della provincia.
Partendodalla frazione montana di Morana in comune di Pontremoli, si costeggia a sud l’autostrada della Cisa fino ad intersecare la mulattiera che porta in località Belvedere; si segue poi detta mulattiera verso la strada comunale per Sassone fino alla frazione di Sergola, si segue poi la strada per la frazione di Casa Corvi fino al ponte dell’autostrada della Cisa, si prosegue lungo detta autostrada fino all’altezza del cavalcavia della strada comunale per la località di Scorano che si costeggia fino alla località Baraccone, da qui si segue la mulattiera fino a raggiungere il torrente Gordana, si segue poi il crinale fino all’incrocio con la strada comunale per la frazione di Valle (Torrano), attraverso l’abitato di Valle si segue la strada carrabile che dalla frazione Valle porta alla frazione Campoli e si riallaccia alla strada comunale per Arzelato in località Cà del Palo e da qui la si segue per abbandonarla all’inizio della mulattiera a quota 390 s.l.m. che porta fino alla frazione di Arzelato. Attraversato l’abitatodi Arzelato si ritorna sulla strada provinciale per un tratto oltre il paese dove si prosegue per successiva mulattiera fino alla frazione di Careola, attraverso l’abitato della frazione montana di Careola si giunge al crinale a quota 467 s.l.m. fino a quota 338 s.l.m. fino alla frazione di Castagnetoli nel comune di Mulazzo.
Dallafrazione montana di Castagnetoli, ancora per strada mulattiera a quota 436 s.l.m., ci si porta in località Pozzo e si prosegue fino all’incontro con la strada provinciale che dall’abitato di Mulazzo raggiunge la frazione di Gavedo. Dalla località di Gavedo, comune di Mulazzo, con strada mulattiera si raggiunge il canale della Costa che si percorre fino ad incrociare nuovamente la strada provinciale Foce-Pieve di Castevoli; da questo punto il confine è delimitato dal confine comunale di Tresana che si segue fino a quota 458 s.l.m., poi tramite mulattiera si raggiunge il canale Masso e poi sempre tramite mulattiera il canale Osca, che si segue nell’interno dell’alveo fino ad incontrare l’alveo del torrente Canale di Borra Grande che si segue fino alla località Madonna del Canale dalla quale, percorrendo un tratto di mulattiera, si raggiunge la località Perra e di seguito passando, per la strada asfaltata, si raggiunge la quota 571 s.l.m.. Da qui ancora per mulattiera si raggiunge la località di Pietrasalta ed attraverso un tratto di strada asfaltata si raggiunge la mulattiera e la si segue fino a località Tavella, alla quota di 459 s.l.m. in località Colombiera del comune di Tresana.
Daqui si segue la strada provinciale per Montedivalli in direzione Montedivalli fino alla quota 600 s.l.m. in località Montesolini dalla quale si imbocca un breve tratto di mulattiera in prossimità del monte Castellare, fino ad incontrare il confine della provincia che si segue ininterrottamente fino in località Albiano e attraverso il ponte della ferrovia La Spezia-Parma si risale in prossimità della località Il Tosone lungo il canale di Figaro in direzione nord‑ovest per sentiero, toccando l’abitato di Chiamici a quota 260 s.l.m., scendendo nuovamente per la strada mulattiera fino alla località Isola, in comune di Aulla dove incontrando l’autostrada della Cisa la si segue verso nord fino in prossimità del viadotto che sovrasta la strada provinciale per Mulazzo in località Pieve di Saliceto in territorio comunale di Pontremoli, si segue poi detta provinciale in direzione dell’abitato della frazione di S.S. Annunziata nel comune di Pontremoli. Da qui, seguendo la linea ferroviaria, si raggiunge in località Scorcetoli, la strada provinciale che si segue fino alla località Caprio di Sotto, si segue poi la via comunale in prossimità del Colle del Monte, si prende la mulattiera, si segue il fosso del Torchio fino ad incontrare il confine comunale che si segue fino alla strada carrabile che raggiunge la località Bosta, proseguendo fino a quota 598 s.l.m. per seguire il fosso d’Arela, il torrente Caprio, la località Rocca Sigillina e verso nord su mulattiera fino a quota 4 95 s.1.m..
Sisegue la mulattiera che passa in prossimità di Serravalle, si raggiunge la frazione Torasco, si segue il canale di Ardendola fino a quota 909, si prosegue in direzione nord ovest per un breve tratto di mulattiera fino ad incontrare la carrabile che attraverso il monte Brusciolsi raggiunge la località La Crocetta il Monte Carnevale, la località Casalina per raggiungere la località Mignegnio, si risale a quota 253 s.l.m. verso S. Terenziano per seguire poi il corso del fiume Magra fino ad incontrare la strada provinciale che si segue fino alla località Traverde, quindi per mulattiera si raggiunge la località Vederze da cui si segue il corso del canale di valle fino alla strada comunale che si ricollega al centro di Morana tramite la sede autostradale.
5) La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline di Arezzo” comprende, nell’ambito del territorio amministrativo della provincia di Arezzo, i territori olivati della provincia medesima idonei a conseguire le produzioni con le caratteristiche qualitative del presente disciplinare.
6) La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline Senesi” comprende, nell’ambito del territorio amministrativo della provincia di Siena, i territori olivati della provincia medesima idonei a conseguire le produzioni con le caratteristiche qualitative del presente disciplinare.
7) La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline di Firenze” comprende, nell’ambito del territorio amministrativo delle province di Firenze e Prato, in tutto o in parte i territori olivati ricadenti nei seguenti comuni:
Bagnoa Ripoli, Barberino di Mugello, Barberino Val d’Elsa, Borgo San Lorenzo, Calenzano, Campi Bisenzio, Cantagallo, Castelfiorentino, Certaldo, Dicomano, Empoli, Fiesole, Figline Val d’Arno, Firenze, Firenzuola, Fucecchio, Gambassi Terme, Greve in Chianti, Impruneta, Incisa Val d’Arno, Lastra a Signa, Londa, Marradi, Montaione, Montelupo, Montemurlo, Montespertoli, Palazzuolo sul Senio, Pelago, Pontassieve, Prato, Reggello, Rignano sull’Arno, Rufina, San Casciano Val di Pesa, San Godenzo, San Piero a Sieve, Scandicci, Scarperia, Sesto Fiorentino, Signa, Tavarnelle Val di Pesa, Vaglia, Vaiano, Vernio, Vicchio, idonei a conseguire le produzioni con le caratteristiche qualitative previste nel presente disciplinare di produzione.
Tale zona è così delimitata:
seguendola linea coincidente al confine amministrativo della provincia di Firenze a partire dall’intersezione di questo con il fiume Arno ad est in località Podere le Fornaci, si prosegue lungo il confine amministrativo verso nord fino all’incontro con il confine regionale in località Montefalco. La linea prosegue, sempre coincidente con il confine regionale, dapprima in direzione nord e successivamente in direzione sud-ovest fino all’incontro con il confine della provincia di Prato in coincidenza della confluenza del Fosso Casoncini con il Torrente Limentra di Treppio. Quindi la linea prosegue verso sud lungo il confineprovinciale di Prato costeggiando il Torrente Ombrone fino alla confluenza di questo con il Torrente Stella in località Podere Bocca Stella. La linea continua proseguendo il Torrente Ombrone fino alla confluenza di questo nel fiume Arno nei pressi della stazione ferroviaria di Carmignano, quindi segue il corso dell’Arno procedendo verso sud e quindi dalla località Ambrogiana verso ovest. La linea continua seguendo il fiume Arno fino all’incrocio di questo con il confine provinciale in località Marcignana dove segue il confine amministrativo della provincia di Firenze verso sud e in località C. Quinto continua in direzione ovest fino a ricongiungersi con il fiume Arno nel punto dove la delimitazione ha avuto inizio.
La restante parte del territorio amministrativo del comune di Fucecchio compresa nella menzione geografica aggiuntiva “Colline di Firenze” è così delimitata:
dauna linea che, partendo dal punto a sud-est dal fiume Arno in località S. Pierino nel comune di Fucecchio, segue in direzione ovest lungo il fiume Arno fino al confine provinciale in località R. Bassi; quindi procede in direzione nord fino alla località Biagione e continua verso est lungo il confine provinciale fino all’incontro di questo con il canale del Terzo nei pressi dalla località C. Morette da dove prosegue in direzione sud lungo il Canale Maestro sino alla località Ponte del Burello; da qui la linea prosegue lungo la strada comunale proveniente da Massarella fino al congiungimento di questa con il fiume Arno in località S. Pierino dove la delimitazione ha avuto inizio.
8) La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano di Montalbano” comprende, nell’ambito del territorio amministrativo della provincia di Pistola e Firenze, in tutto o in parte i territori olivati ricadenti nei confini amministrativi dei seguenti comuni:
Capraiae Limite, Carmignano, Cerreto Guidi, Fucecchio, Lamporecchio, Larciano, Monsummano Terme, Poggio a Caiano, Pistola, Quarrata, Serravalle Pistoiese, Vinci, idonei a conseguire le produzioni con le caratteristiche qualitative previste nel presente disciplinare di produzione.
Tale zona è così delimitata:
Dauna linea che partendo da un punto a nord sul torrente Stella, in località Stazione di Masotti del Comune di Serravalle Pistoiese, prosegue in direzione sud-est fino alla confluenza del torrente Ombrone in località Poggetto, nel comune di Poggio a Caiano; segue quindi lo stesso torrente Ombrone fino alla sua confluenza nel fiume Arno. La linea prosegue in direzione ovest lungo il fiume Arno dalla Stazione ferroviaria di Carmignano fino alla località San Pierino nel comune di Fucecchio; quindi prosegue in direzione nord lungo la strada comunale per Massarella fino al Canale Maestro in località Ponte del Burelle, quindi prosegue sempre in direzione nord lungo lo stesso Canale Maestro fino allaconfluenza in esso del fiume Nievole in località Porto dell’Uggia. Da qui prosegue ancora verso nord lungo lo stesso fiume Nievole fino alla località di Ponte di Serravalle. Quindi continua in direzione nord-est lungo la strada statale N. 435 fino a congiungersi in località Masotti con il torrente Stella, punto dal quale la delimitazione ha avuto inizio.
9) La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano dei Monti Pisani” comprende, nell’ambito del territorio amministrativo della provincia di Pisa, i territori olivati compresi nei confini amministrativi dei comuni di Buti, Calci, San Giuliano Terme, Vicopisano, Vecchiano, idonei a conseguire le produzioni con le caratteristiche qualitative previste nel presente disciplinare di produzione.

Articolo 4.
Caratteristiche di coltivazione.

1) Le condizioni ambientali e di coltura degli oliveti destinati alla produzione dell’olio extra vergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano” e delle menzioni geografiche aggiuntive devono essere quelle tradizionali e caratteristiche della zona e, comunque, atte a conferire alle olive ed all’olio derivato le specifiche caratteristiche qualitative. I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura, devono essere quelli generalmente usati o, comunque, atti a non modificare le caratteristiche delle olive e dell’olio. In particolare, per i nuovi impianti, oltre le forme tradizionali di allevamento, sono consentite nuove forme purché specificamente autorizzate dalla Regione Toscana.
2) I produttori interessati possono rivendicare in tutto o in parte l’uso di menzioni geografiche aggiuntive, purché le olive provengano da oliveti ricadenti entro i limiti geografici stabiliti dal disciplinare di produzione delle singole menzioni geografiche di cui all’art. 3 e purché siano .state iscritte per l’uso di una o più menzioni geografiche aggiuntive.
3) Ogni anno il produttore, in sede di denuncia preventiva di produzione massima da farsi ai sensi del punto 7 dell’art. 4, ovvero entro il 30 settembre dell’anno di raccolta, deve dichiarare la volontà di utilizzare in tutto o in parte le menzioni geografiche aggiuntive in conformità al presente disciplinare.
4) Il produttore, al momento della denuncia di produzione delle olive come indicato al punto 8 dell’art. 4 e comunque entro il 30 gennaio della stessa campagna olearia, deve dichiarare la produzione di olio per la quale vuole utilizzare la o le menzioni geografiche aggiuntive.
5a) Per la produzione dell’olio extravergine d’oliva a indicazione geografica protetta “Toscano di Seggiano” sono da considerarsi idonei gli oliveti compresi nella zona di produzione descritta al punto 2 dell’art. 3 posti al di sotto della zona climatica del castagno del Monte Amiata, individuata dal limite delle trachiti vulcaniche, i cui terreni siano di natura pliocenica e che si trovino entro un limite altimetrico di 650 metri s.l.m..
5b) Per la produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline Lucchesi” sono da considerarsi idonei gli oliveti collinari compresi nella zona descritta al punto 3 dell’art. 3; la natura geologica dei terreni di origine eocenica può essere di composizione varia e rappresentata da quote importanti di Galestro, Calcare ed Alberese. La difesa fitosanitaria degli oliveti deve essere effettuata secondo le modalità definite dai programmi di lotta guidata.
5c) Per la produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano della Lunigiana” sono da considerarsi idonei gli oliveti compresi nella zona descritta al punto 4 dell’art. La difesa fitosanitaria degli oliveti deve essere effettuata secondo le modalità definite dai programmi di lotta guidata.
5d) Per la produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline di Arezzo” sono da considerarsi idonei gli oliveti collinari compresi nella zona descritta al punto 5 dell’art. 3.
5e) Per la produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline Senesi” sono da considerarsi idonei gli oliveti collinari compresi nella zona descritta al punto 6 dell’art. 3. Sono pertanto idonei gli oliveti siti tra i 200 e i 650 metri s.l.m. in zone pedologicamente riconducibili ai tipi: calcareo/argillose ricche di scheletro dell’Eocene e dell’oligocene (alberesi, scisti argillosi, arenarie e conglomerati); sabbio/limo/argillose del Pliocene post-Pliocene; calcareo/argillose, anch’esse ricche di scheletro, da calcarei cavernosi (travertini) del Miocene e del quaternario recente; sabbio/limo/argillose del Pliocene e post-Pliocene. Sono escluse le plaghe pianeggianti di fondovalle, quelle eccessivamente argillose, e comunque gli altri microcentri in cui tradizionalmente la coltura olivicola non ha mai trovato favorevole riscontro produttivo e di longevità.
5f) Per la produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline di Firenze” sono da considerarsi idonei gli oliveti collinari compresi nella zona descritta al punto 7 dell’art. 3 siti entro una altitudine compresa tra 100 e oltre 600 metri s.l.m. in zone caratterizzate da terreni provenienti da substrati sabbiosi (sabbie del Pliocene e del Villafranchiano) e arenacei (Pietraforte del Cretaceo, Arenarie dell’Eocene, Oligocene e Miocene) insieme a quelli provenienti da conglomerati del Miocene, nonché da substrati argillosi (argille scagliose, scisti, varicolari e marne argillose) e da substrati calcarei (calcari triassici, alberesi, e travertini del quaternario).
5g) Per la produzione dell’olio extravergirie di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano di Montalbano” sono da considerarsi idonei gli oliveti compresi nella zona, descritta al punto 8 dell’art. 3 e comunque atti a conferire agli oli le tradizionali caratteristiche qualitative.
5h) Per la produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano dei Monti Pisani” sono da considerarsi idonei gli oliveti collinari compresi nella zona descritta al punto 9 dell’art. 3, siti in zone caratterizzate da terreni provenienti da substrati pedologici costituiti da scisti metamorfici, depositi alluvionali, recenti antichi, conglomerati.
6) La raccolta delle olive destinate alla produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano” viene effettuata nel periodo preventivamente stabilito dal Consorzio di tutela. La denuncia delle olive deve essere effettuata entro il termine massimo previsto per la raccolta.
7) Al fine di garantire la reale consistenza della produzione ogni anno sono definite le rese massime in olive in olio per menzione geografica aggiuntiva, area omogenea o provincia a seguito delle rilevazioni effettuate dalle Associazioni di produttori riconosciute e/o dal Consorzio di tutela. Per ciascuna campagna olearia le Associazioni di produttori riconosciute, a seguito delle rilevazioni effettuate, definiscono e comunicano ai Consorzi di tutela, alle Camere di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura competenti per territorio ed alla Regione Toscana i seguenti dati:
entro il 30 settembre - la previsione della produzione massima di olive;
entro il 15 gennaio - le rese massime delle olive in olio.
8) Alla presentazione della denuncia di produzione delle olive e della richiesta di certificazione di idoneità del prodotto, il richiedente deve allegare la certificazione rilasciata dalle Associazioni dei produttori olivicoli comprovante che la produzione e la trasformazione delle olive sono avvenute nella zona delimitata dal disciplinare di produzione.
9) Per i produttori non associati la certificazione di cui al punto precedente deve essere rilasciata da Organismi designati dalla Regione Toscana previa esibizione da parte dei produttori della documentazione rilasciata dai titolari degli impianti di molitura, di cui al punto 7 del successivo art. 5, attestante che la trasformazione delle olive è avvenuta nella zona delimitata dal disciplinare di produzione. Poggione e Fosso della Scolosa, si segue il fosso fino al confine di provincia.

Articolo 5.
Modalità di oleificazione.

1) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano” comprende l’intero territorio amministrato dalla Regione Toscana.
1a) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano di Seggiano” comprende l’intero territorio amministrativo dei comuni di cui al punto 2 dell’art. 3 della provincia di Grosseto. 1b) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline Lucchesi” comprende l’intero territorio amministrativo di cui al punto 3 dell’art.3.
1c) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano della Lunigiana” comprende l’intero territorio amministrativo di cui al punto 4 dell’art.3.
1d) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline di Arezzo” comprende l’intero territorio amministrativo di cui al punto 5 dell’art.3.
1e) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline Senesi” comprende l’intero territorio amministrativo di cui al punto 6 dell’art. 3.
1f) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline di Firenze” comprende l’intero territorio amministrativo di cui al punto 7 dell’art. 3.
1g) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano di Montalbano” comprende l’intero territorio amministrativo dei comuni indicati al punto 8 dell’art.3.
1h) La zona di estrazione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano dei Monti Pisani” comprende l’intero territorio amministrativo dei comuni indicati al punto 9 dell’art. 3.
2) È facoltà della Regione Toscana, previo parere del Consorzio di tutela, consentire che le suddette operazioni di estrazione dell’olio siano effettuate anche in stabilimenti siti nelle immediate vicinanze dei territori previsti nei precedenti commi 1a), 1b) 1c), 1d), 1e), 1f), 1g), 1h), purché all’interno del territorio amministrativo della Regione Toscana.
3) La raccolta delle olive destinate alla produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano” avviene direttamente dalla pianta con mezzi meccanici o per brucatura.
4) Le olive destinate alla produzione dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta di cui all’art. 1 devono essere sottoposte a lavaggio a temperatura ambiente; ogni altro trattamento è vietato.
5) Per l’estrazione dell’olio extravergine di oliva di cui all’art. 1 sono ammessi soltanto processi meccanici e fisici atti a garantire l’ottenimento di oli senza alcuna alterazione delle caratteristiche qualitative presenti nel frutto.
6) I detentori delle partite di olio da sottoporre ad analisi chimico-fisica ed organolettica ai fini dell’utilizzo della indicazione geografica protetta devono presentare richiesta di certificazione del prodotto da loro detenuto.
7) La Regione Toscana istituisce uno schedario degli impianti di molitura autorizzati alla lavorazione delle olive per la produzione di olio di cui all’art. 1, fissandone l’ambito di operatività riferito alle menzioni geografiche aggiuntive.
8) Gli impianti di molitura, iscritti allo schedario regionale, autorizzati alla produzione di oli di cui all’art. 1, devono rispettare le norme atte a mantenere le caratteristiche proprie del frutto ed a conservare al prodotto la migliore qualità organolettica. Inoltre, devono osservare le norme di produzione stabilite dalla Regione Toscana su proposta- del Consorzio di tutela.
9) In base alla rispondenza dei parametri stabiliti, la Regione Toscana aggiorna annualmente lo schedario degli impianti di molitura e confezionamento.

Articolo 6.
Caratteristiche al consumo.

1) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: dal verde al giallo oro con variazione cromatica nel tempo;
-odore: di fruttato accompagnato da sentore di mandorla, carciofo, altra frutta matura, verde di foglia;
- sapore: di fruttato marcato;
- punteggio al panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
-acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, non eccedente grammi 0,6 per 100 grammi d’olio;
- numero perossidi: = 16 meq02/Kg
- indice di rifrazione a 25°C: in legge
- K 232: in legge
- K 270: in legge
- acido palmitico: 8-14 %
- acido palmitoleico: 0,5 - 1,5 %
- acido stearico: 1,1 - 3 %
- acido oleico: 73 - 83 %
- acido linoleico 9 %
- acido linolenico 0,9 %
- acido arachico: 0,6 %
- acido eicosenoico: = 60 mg/Kg
- polifenoli totali: = 60 mg/Kg
- tocoferoli: = 40 mg/Kg
2) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine d’oliva a indicazione geografica protetta “Toscano di Seggiano” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: dorato;
- odore: buono con leggera fragranza;
- sapore: di fruttato leggero;
- punteggio al Panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
- acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, non eccedente grammi 0,5 per 100 grammi d’olio;
- numero perossidi: = 10 meqO2/Kg.
- K 232: = 2,0
- K 270: = 0,20
3) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline Lucchesi” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: giallo dorato con toni di verde;
- odore: di fruttato leggero;
- sapore: poco piccante con intènsa sensazione di dolce;
- punteggio al panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
-acidità massima totale espressa in. acido oleico, in peso, inferiore a grammi 0,6 per 100 grammi di olio;
- numero perossidi:= 16 meqO2/Kg
- saggio Kreiss: negativo
- indice rifrazione nella norma
- K 232 in legge
- K 270in legge
- acido palmitico 9 - 13 %
- acido palmitoleico 0,4 - 1,2 %
- acido stearico 0, 5 - . 3 %
- acido oleico 75-80 %
- acido linoleico 8 %
- acido linolenico 0, 9 %
- acido arachico 0,5 %
- acido eicosenoico 0, 4 %
4) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano della Lunigiana” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: giallo dorato con toni di verde;
- odore: di fruttato leggero;
- sapore: poco piccante con intensa sensazione di dolce;
- punteggio al panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
-acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, inferiore a grammi O,6 per 100 grammi di olio;
- numero perossidi: -= 16 meqO2/Kg
- saggio Kreiss: -negativo
- indice rifrazione -nella norma
- K 232 -in legge
- K 270-in legge
- acido palmitico -9 - 13 %
- acido palmitoleico -0,4 - 1,2 %
- etacido stearico -0,5 - 3 %
- acido oleico -75-80 %
- acido linoleico - 8 %
- acido linolenico - 0,9 %
- acido arachico - 0, 5 %
- acido eicosenoico- 0, 4 %
5) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline di Arezzo” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: verde intenso carico al giallo con evidenti note cromatiche verdi;
- odore: di fruttato intenso;
-sapore: piccante e leggermente amaro che con il tempo si attenua. Retrogusto persistente;
- punteggio al panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
-acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, inferiore a grammi 0,5 per 100 grammi di olio;
- numero perossidi: -= 16 meqO2/Kg
- saggio Kreiss: -negativo
- indice rifrazione -nella norma
- K 232 -in legge
- K 270-in legge
- acido palmitico -9 - 12,5 %
- acido palmitoleico - 1,5 %
- acido stearico -1,2 a 2,5 %
- acido oleico -75 - 81 %
- acido linoleico - 9 %
- acido linolenico - 0,9 %
6) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline Senesi” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: verde più o meno intenso con tonalità tendenti al verde giallognolo;
- odore: fruttato;
- sapore: piuttosto piccante e leggermente amaro con lievi accenni erbacei;
- punteggio al panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
-acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, inferiore a grammi 0,5 per 100 grammi di olio;
- numero perossidi: -= 12 meqO2/Kg
- K 232: -in legge
- K 270:-in legge
- Delta K-max.: 0,01
- acido palmitico: -9 - 12,5 %
- acido palmitoleico: -= 1,3 %
- acido stearico: -= 3 %
- acido oleico: -73 - 80 %
- acido linoleico: - 9 %
- acido linolenico: - 0,9 %
- acido arachico: - 0,5 %
- acido eicosenoico: - 0,4 %
- steroli totali: -= 250 mg/100g
7) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano delle Colline di Firenze” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: dal verde al giallo oro con variazione cromatica nel tempo;
-odore: di fruttato accompagnato da sentore di mandorla, carciofo, altra frutta matura, verde di foglia;
- sapore: di fruttato da medio a marcato;
- punteggio al panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
- acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso non eccedente grammi 0,5 per 100 grammi d’olio;
- numero perossidi: -= 16 meqO2/Kg
- saggio Kreiss: -negativo
- K 232: -in legge
- K 270:-in legge
- acido palmitico: -8,5 - 12,5 %
- acido palmitoleico: -0,45 - 1,0 %
- acido stearico: -1,1 - 2,5 %
- acido oleico: -76 - 82 %
- acido linoleico: - 7 %
- acido linolenico: - 0,9 %
- polifenoli totali: -= 100 mg/Kg
- tocoferoli: -= 80 mg/Kg
8) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano di Montalbano” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: dal verde al giallo oro con variazione cromatica nel tempo;
- odore: di fruttato accompagnato da sentore di mandorla, carciofo, altra frutta matura, verde di foglia;
- sapore: di fruttato con percezione di piccante;
- punteggio al panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
-acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, non eccedente grammi 0,5 per 100 grammi d’olio;
- numero perossidi: -= 16 meqO2/Kg
- indice di rifrazione a 25°C -in legge
- K 232: -in legge
- K 270: -in legge
- acido palmitico: -8 - 14 %
- acido palmitoleico: -0,5 - 1,5 %
- acido stearico: -1,5 - 3 %
- acido oleico: -75 - 83 %
- acido linoleico: - 9 %
- acido linolenico: - 0,9 %
- acido arachico: - 0,5 %
- acido eicosenoico: - 0,4 %
- polifenoli totali: -= 80 mg/Kg
- tocoferoli: -= 60 mg/Kg
9) All’atto dell’immissione al consumo l’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano dei Monti Pisani” deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
- colore: giallo oro con toni di verde;
- odore: di fruttato leggero;
- sapore: di fruttato con leggera percezione di piccante e intensa sensazione di dolce;
- punteggio al panel test: livelli consentiti dalla normativa vigente;
- acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, non eccedente grammi 0,6 per 100 grammi d’olio;
- numero perossidi: -= 16 meqO2/Kg
- indice di rifrazione a 25°C-in legge
- K 232: -in legge
- K 270: -in legge
- acido palmitico: -8,8 - 12 %
- acido palmitoleico: -0,4 - 1,2 %
- acido stearico: -0,5 - 3 %
- acido oleico: -75 - 79 %
- acido linoleico: - 8 %
- acido linolenico: - 0,9 %
- acido arachico: - 0, 5 %
- acido eicosenoico: - 0, 4 %
10) I parametri qualitativi di cui sopra e quelli non espressamente citati devono essere conformi alla vigente normativa U.E..
11) In ogni campagna olearia il Consorzio di tutela individua e conserva in condizioni ideali un congruo numero di campioni rappresentativi degli oli di cui all’art. 1 da utilizzare come standard di riferimento per l’esecuzione e l’esame organolettico.

Articolo 7.
Designazione e presentazione.

1) Alla indicazione geografica protetta “Toscano” è vietata l’aggiunta di qualsiasi qualificazione non espressamente prevista dal presente disciplinare di produzione ivi compresi gli aggettivi: “fine”, “scelto”, “selezionato”, “superiore”. Sono ammessi i riferimenti veritieri e documentabili atti ad evidenziare l’operato dei singoli produttori, quali: “monovarietale”, “raccolto a mano”, ecc. preventivamente autorizzati dal Consorzio di tutela.
2) È consentito l’uso veritiero di nomi, ragioni sociali, marchi privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
3) L’uso di nomi di aziende, tenute, fattorie e loro localizzazione territoriale, nonché il riferimento al confezionamento nell’azienda olivicola o nell’associazione di aziende olivicole o nell’impresa situate nell’area di produzione è consentito solo se il prodotto è stato ottenuto esclusivamente con olive raccolte negli oliveti facenti parte dell’azienda e se il confezionamento avvenuto nell’azienda medesima.
4) Le operazioni di confezionamento dell’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta di cui all’art. 1 devono avvenire nell’ambito della Regione Toscana.
5) Ogni menzione geografica aggiuntiva, autorizzata all’art. 1 del presente disciplinare, deve essere riportata in etichetta con dimensione non superiore ai caratteri con cui viene indicata l’indicazione geografica protetta “Toscano”.
6) L’uso di altre indicazioni geografiche riferite a comuni, frazioni, tenute, fattorie da cui l’olio effettivamente deriva deve essere riportato in caratteri non superiori alla metà di quelli utilizzati per la designazione della I.G.P. “Toscano”.
7) Il nome della indicazione geografica protetta “Toscano” deve figurare in etichetta con caratteri chiari ed indelebili in modo da poter essere distinto dal complesso delle indicazioni
che compaiono su di essa.
8) Il produttore imbottigliatore deve presentare al Consorzio di tutela la bozza dell’etichetta per essere sottoposta ad approvazione. Il Consorzio deve comunicare entro 30 giorni le eventuali variazioni da apportare.
9) La designazione deve altresì rispettare le norme di etichettatura previste dalla vigente legislazione.
10) L’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano” deve essere immesso al consumo in recipienti idonei di capacità non superiore a litri 10.
11) L’olio extravergine di oliva a indicazione geografica protetta “Toscano”, accompagnato da una delle menzioni geografiche aggiuntive indicate all’art. 1, deve essere immesso al consumo in recipienti idonei di capacità non superiore a litri 5.
12) È obbligatorio indicare in etichetta l’annata di produzione delle olive da cui l’olio è ottenuto.


Video: 7-dars. Python. Ozbek tilida (Yanvar 2022).